Siamo al 6 dicembre, e come spesso capita di questi periodi, l’Ambrì-Piotta sembra condannato a disputare i play-out… “ogni anno la solita storia”, viene da pensare.

La squadra, dopo un lungo inizio particolarmente difficoltoso, ha dimostrato con i fatti di voler cambiare l’andamento della stagione, ed i punti di ritardo dalla linea sono ancora, potenzialmente, recuperabili.

IL CAMBIAMENTO

Dopo la partita interna contro il Losanna, vinta in rimonta, qualcosa è cambiato dalle parti della Valascia… vuoi il giaccone indossato da Zanatta che è tornato a prendere freddo a bordo pista per sostenere i boys, vuoi l’attitudine dei giocatori che è sembrata più decisa, vuoi anche alcuni giocatori che finalmente si sono sbloccati e sono riusciti a fare cose che, anche se noi umani potevamo immaginare, sembravano impossibili solamente alcuni giorni prima.

Poi, galeotta, arrivò la sconfitta contro il Langnau, che di fatto ha ribassato e non di poco le quotazioni dei Leventinesi… ma niente è ancora perso; le possibilità di fare i play-off sono poche ma ci sono!

Già, perché attorno alla linea si è scatenata una vera e propria bagarre che coinvolge tutte le squadre dal 5° posto del Kloten in giù… di conseguenza, gli immancabili scontri diretti che si susseguiranno da quì fino a gennaio inoltrato, vedranno le squadre togliersi punti a vicenda, avvantaggiando potenzialmente chi da dietro insegue. A patto di saperne approfittare…

IL SOGNO PLAY-OFF

Ma torniamo alla sconfitta con i Tigrotti, inutile negarlo, ha fatto davvero molto male, perché in caso di risultato positivo si sarebbe potuto abbandonare quell’odioso 12° ed ultimo posto, che oltre ad essere scomodo fa’ crescere la pressione, la quale si traduce in fretta (di risalire), ed essa è ben noto come non sia mai una buona consigliera…

Ma questo non deve impedire di regalare ai tifosi un sogno, quello di sperare di raggiungere nuovamente i play-off! Stiamo parlando di 3 punti persi, non di una guerra persa… i 3 punti sono recuperabili, piuttosto ha destato preoccupazione quella sorta di atteggiamento tipico del braccino del tennista a partire dal periodo centrale, che ha impedito (assieme ad altri fattori, ne conveniamo…) a portare a casa una partita che sembrava ben indirizzata.

Ad ogni modo ora inizia una settimana fondamentale, che sarà composta da due partite, tra cui il derby a Lugano! La Resega è pista tradizionalmente infausta per l’Ambrì-Piotta, luogo dove negli anni sono state raccolti ben più dolori che gioie… ma luogo dove i boys di Kossmann dovranno fare il possibile per portare a casa  punti alla vigilia della partita di domenica contro il Gottéron, che dirà molto probabilmente quante residue chance avranno ancora i Leventinesi di strappare un biglietto “al sole”.

Perché da oggi al termine della Regular Season, i punti necessari saranno 35-40, e siccome mancano 20 partite al termine, è presto detto: servono praticamente 2 punti a partita! Quasi impossibile si dirà, significherebbe avere un passo simile a quello che attualmente ha lo Zugo.

Impossibile non crediamo, e ne siamo certi non lo pensano nemmeno i diretti interessati, ma pur passi falsi sono ancora concessi, le serie negative (anche brevi) sono assolutamente da evitare, e soprattutto sarà importante che le vittorie siano da 3 punti!

Troppe infatti le vittorie dell’Ambrì-Piotta ottenute oltre il 60° minuto di gioco, che se da una parte dimostrano grande carattere, dall’altra significa ogni volta lasciare un punto per strada…

Basta fare due calcoli: i Biancoblù hanno ottenuto 7 vittorie oltre il 60° minuto di gioco, 3 invece soltanto le sconfitte, il bilancio dei punti, in caso di partite terminate entro l’appendice dei supplementari o rigori, parla di “-4” punti potenziali… punti pesantissimi, perché con 4 punti in più, i Leventinesi sarebbero oggi a quota 33, ossia a soli 4 punti (ma guarda quanto ricorre il numero 4), dall’8° posto.

Insomma, è proprio arrivato il momento dell’ultima chiamata! Quella che in aeroporto avvisa i passeggeri della partenza dell’aereo. Perché l’aereo e non il treno si dirà ? Perché il treno non aspetta nemmeno un minuto (quando è in orario…), mentre l’aereo un’ultima chance comunque te la regala.

LA NOSTRA OPINIONE

L’Ambrì-Piotta, per quanto difficile deve assolutamente credere ancora nei play-off!

Certo, non cerchiamo di vendere false speranze, le possibilità sono davvero poche, una percentuale bassa, ma lo sport è pieno di storie da scrivere e raccontare, perché non potrebbe scriverne una proprio la squadra Leventinese in questa tribolata stagione ?

Il lavoro che aspetta Kossmann, Tsygurov, Zanatta, e la società tutta, è imponente, una sorta di montagna da scalare… ma tentare è fondamentale!

Anche perché, non si raggiungessero i play-off, sarà bene farsi trovare pronti per i play-out, e possibilmente in una posizione migliore di classifica, perché mai come quest’anno le squadre attorno alla linea paiono di buon livello, ed il Rapperswil di turno non c’è più.


Non siamo giornalisti e non vogliamo essere gli “Elena Ferrante” del Ticino: i nostri articoli sono opinioni puramente personali da appassionati, da tifosi e per tifosi, non politicamente corrette, e che non sottostanno ad alcun ordine. Per ragioni personali non firmiamo gli articoli con Nome e Cognome. Vi preghiamo per tanto di non esitare a contattarci qualora vi siano delle rimostranze o semplicemente desiderate delle delucidazioni in merito; il rispetto per noi è alla base di tutto, e sarà nostra premura e piacere rispondere firmandoci personalmente.