LA PARTITA

Lugano e Thun pareggiano in questa partita di Cornaredo, conquistando un punto che smuove la classifica ma in fin dei conti viene accolto con moderata soddisfazione solamente dai Bianconeri.

Già, perché va detto, il Thun avrebbe meritato ben di più!

Il primo tempo infatti è un monologo degli uomini di Saibene, che tuttavia dimostrano ancora una volta quanta fatica facciano a buttare quella maledetta sfera in gol… tant’è, il Lugano resiste e rientra negli spogliatoi per riordinare le idee.

Idee che sembrano confuse per il giovane Ceesay, il quale viene buttato nella mischia ad inizio ripresa e nel giro di 6 minuti riesce nell’impresa di farsi ammonire due volte. Pareva l’inizio della fine, ed invece il Lugano si mostra più compatto, certo non trascendentale dato che le occasioni migliori le ha sempre il Thun, ma quanto meno più “squadra”.

Squadra che sembrava aver gettato tutta la resistenza alle ortiche, quando al 90° minuto Peyretti trova il pertugio giusto per battere Salvi e portare avanti gli ospiti. Era ormai la fine… ma non per Mariani, che proprio in extremis riesce a trovare un gol fin anche insperato che fissa il risultato sull’1-1 finale.

L’OPINIONE

Male il Lugano, i primi 45 minuti vanno annoverati tra i peggiori disputati in stagione… e complessivamente era lecito attendersi molto di più. Sembra essere scomparsa quella leggerezza che aveva permesso ai boys di Manzo di scalare la classifica e macinare punti, e questo è piuttosto triste. Tuttavia il punto si può definire “guadagnato”, soprattutto per il modo in cui è stato conquistato.

La pensa ovviamente diversamente il Thun… Jeff Saibene è ben conscio di aver sprecato un’incredibile opportunità di fare più punti! La sua squadra è ben messa in campo, gioca anche discretamente, ha un’attitudine molto positiva, ma quando arriva al momento della conclusione sembra si spenga la luce… c’è da lavorare, e magari trovare il modo di mettere in rosa un attaccante che possa concretizzare la mole di gioco prodotta.

KEY MOMENT

Minuto 95 – GOL 1-1 (Davide Mariani – FC Lugano)

La gente stava ormai incamminandosi verso la propria autovettura, quando Mariani ha trovato il pertugio giusto per fare esplodere Cornaredo e regalare un punto fondamentale al Lugano.

IL GIOCATORE

Mirko Salvi (FC Lugano)

Vero che la maggior parte delle conclusioni del Thun non sono propriamente imperdibili, ma riesce a modo suo a tenere a galla il Lugano e pure ad infondere sensazione di fiducia a tutta la squadra.

LA PILLOLA

LUGANO: 4 i tiri del Lugano (1 in porta), che rappresentano il minimo stagionale.

THUN: il 65% di possesso palla è il più alto in assoluto fatto registrare in stagione.

MARCATORI

Salva

min. FC LUGANO vs FC THUN min.
95′ Mariani Peyretti 90′