Vi presentiamo le nostre pagelle relative al mese di novembre per la National Hockey League!

Dapprima la classifica del mese, ed in seguito in rigoroso ordine di classifica aggiornata al 30.11.2016, il voto squadra per squadra con il giocatore (o colui) che secondo noi è stato decisivo. Le pagelle sono relative “unicamente” al mese di novembre, e non a tutta la stagione fino ad oggi.


NLA – LA CLASSIFICA DI NOVEMBRE

G V S GF GS +/- PT
ZUGO 9 7 2 35 18 17 20
ZURIGO 8 6 2 30 19 11 19
BERNA 8 6 2 21 22 -1 17
LOSANNA 8 5 3 22 18 4 13
LANGNAU 8 4 4 21 22 -1 12
DAVOS 8 3 5 23 22 1 10
KLOTEN 8 3 5 28 28 0 10
AMBRÌ-PIOTTA 9 4 5 25 29 -4 10
FRIBURGO 8 4 4 22 26 -4 10
BIENNE 8 3 5 18 24 -6 10
GINEVRA 8 2 6 15 21 -6 9
LUGANO 8 2 6 19 30 -11 7

NLA – LE PAGELLE DI NOVEMBRE


ZSC LIONSZSC LIONS

5+

Un mese ad alti livelli: due sole sconfitte, entrambe arrivate a domicilio ed oltre i 60 minuti regolamentari.

Gli ZSC Lions a tratti sembrano ancora troppo vanitosi, il che gli impedisce a volte di chiudere partite che sembrerebbero poter scorrere via tranquille… ma il tipo di gioco che propongono è tra i più interessanti in NLA, e per quanto visto fino ad oggi sono la candidata numero 1 al titolo!

A nostra opinione, la squadra del mese!

IL GIOCATORE

Roman Wick

Tra cotanti fuoriclasse, il numero 27 dello Zurigo continua a nascondere il suo nome sotto la maglia da Top Scorer!

Mantiene un’invidiabile media di un punto a partita, ed in attesa dei play off, vero banco di prova per questo fuoriclasse, dimostra di essere un giocatore assolutamente fondamentale per i Lions!


EV ZUGOEV ZUGO

5

Lo Zugo ha dimostrato di aver ritrovato la verve offensiva leggermente persa nell’ultima parte dello scorso mese di ottobre, ed ha unito a ciò un invidiabile solidità difensiva sulla quale evidentemente Kreis ha lavorato parecchio.

Non tragga in inganno l’ultimo fine settimana dove i Tori hanno subito 10 gol, perché la squadra sembra più solida rispetto ad inizio campionato, anche se le due sconfitte subite contro Berna e Zurigo, entrambe a domicilio, dimostrano come negli scontri diretti forse manca ancora quella consapevolezza nei propri mezzi.

IL GIOCATORE

Carl Klingberg

Aveva faticato ad inizio campionato, ma sulla distanza sta uscendo un giocatore con ottimo pattinaggio e pure preciso sotto porta. Sempre nel vivo dell’azione, si candida ad essere uno dei protagonisti della seconda parte di stagione.


SC BERNASC BERNA

5-

Il rendimento degli Orsi meriterebbe una nota superiore, ma perdono un quarto di punto per la scoppola interna con il Kloten e per la supponenza con la quale si sono presentati alla Valascia nell’ultima partita del mese.

La squadra inizia ad interpretare il sistema di gioco richiesto dal duo in panchina Jalonen & Peltonen, e potenzialmente può tranquillamente rivaleggiare con lo Zurigo, tuttavia in questo mese sono sembrati meno lucidi sotto porta. Il lavoro insomma non manca, anche se il potenziale intrinseco della squadra, spaventa tutti.

IL GIOCATORE

Martin Plüss

Il mese di novembre ha dimostrato come il Berna può ancora contare sull’incisività di uno dei giocatori più professionali nel panorama Elvetico. Un esempio che andrebbe preso da chiunque decida di fare dell’hockey su ghiaccio la sua professione. 39 anni e non sentirli!


hc-losannaHC LOSANNA

4.5

L’inizio del mese è coinciso con la coda di un periodo più complicato, ma nella seconda parte il Losanna ha ripreso a macinare gioco, gol, e di conseguenza… punti!

La ritrovata incisività offensiva, unita ad una difesa che, pur se migliorabile è piuttosto solida e può contare sul contributo tra i pali di un certo Cristobal Huet, fanno del Losanna una squadra che da sorpresa si è trasformata in rivelazione.

E con ottime prospettive per il futuro!

IL GIOCATORE

Cristobal Huet

Le sue convincenti prestazioni, hanno portato al prolungamento del contratto tra il buon Cristobal ed il Losanna. Un mese vissuto ad altissimi livelli, una garanzia tra i pali che permette a tutta la squadra di giocare con più tranquillità.


EHC KLOTENEHC KLOTEN

4+

Il Kloten continua a mantenersi a metà classifica, ma il mese appena trascorso lo ha visto mettere in pista un rendimento piuttosto altalenante.

Non traggano in inganno le roboanti vittorie contro Berna (1-8) e Lugano (8-3), perché se da una parte il Kloten ha dimostrato di avere un potenziale offensivo di primissimo livello nelle prime due linee, per il resto pare una squadra destinata a riavvicinarsi ben presto alla linea.

IL GIOCATORE

Denis Hollenstein

È il perno offensivo del Kloten, un compagno perfetto per il sempre-verde Tommi Santala, un vero capitano, una delle principali ragioni per la quale il Kloten fino ad oggi vive una stagione al di sopra delle aspettative.


HC DAVOSHC DAVOS

4

Dal momento in cui, i due giovani estremi difensori hanno compiuto un importante passo avanti nella loro crescita, la squadra ha iniziato a comportarsi in modo più altalenante nel reparto offensivo.

Un mese vissuto tra più bassi che alti, ma il potenziale per fare bene resta intatto, e quando la squadra tornerà a girare a mille anche sul fronte avanzato, allora a Davos ci si potrebbe davvero divertire, e magari sperare anche in grandi risultati!

IL GIOCATORE

Joren van Pottelberghe, Gilles Senn

I due estremi difensori, dopo la scoppola del mese scorso a Losanna (8-1), hanno fatto un deciso passo avanti nel valore delle loro prestazioni. Il mese corrente ha dimostrato come, alternandosi, i due giovanissimi portieri stanno lentamente diventando una garanzia, pur se i margini di progresso sono ancora evidenti.


EHC BIENNEEHC BIENNE

3.5

Il mese di novembre passerà alla storia a Bienne per la separazione dall’hockeygott Kevin Schläpfer!

Per il resto, prestazioni molto altalenanti, molto lontane dallo standard di inizio campionato, tant’è che la squadra si è ritrovata di colpo a sgomitare attorno alla linea.

La società vive un periodo di transizione, e per sperare di agguantare i play off è fondamentale fare chiarezza sul futuro: o si tiene McNamara fino alla fine, o si cambia subito. Ma l’indecisione che appare all’esterno se da una parte è lodevole per la volontà di non prendere scelte affrettate, dall’altra denota una certa instabilità che poi si ripercuote sui risultati della squadra.

IL GIOCATORE

Mike McNamara (allenatore)

Non deve essere stato facile prendere il posto sulla panchina dell’hockeygott, ma lui come sempre lo ha fatto con grande umiltà e dimostrando parecchio coraggio.

Non ha stravolto la squadra, rispetta il suo ruolo “ad interim”, ed immediatamente è riuscito a dare alla squadra un gioco semplice ma efficace che ha permesso di non sprofondare negli abissi.


GE SERVETTEGINEVRA SERVETTE

3.5

Inizia il mese di novembre alla grande con due vittorie di buona fattura, ma con l’andare dei giorni sembra pagare una grande stanchezza. Inoltre, la situazione societaria poco chiara, di riflesso si rispecchia anche nella tranquillità sul ghiaccio.

La squadra di certo ci mette l’anima, tuttavia la lunga serie di infortuni che ha toccato gli uomini di McSorley, hanno costretto ad uno sforzo fisico degli elementi a disposizione che sul medio periodo evidentemente si paga.

Restiamo convinti che, una volta stabilizzatasi la situazione, la squadra potrà risalire la classifica e diventare un pericolo per tutti.

IL GIOCATORE

Robert Mayer

Il portiere del Ginevra è riuscito spesso e volentieri ad abbassare la saracinesca mettendo in fila prestazioni di assoluto valore.

Il mese appena trascorso non ha fatto eccezione, e l’estremo difensore delle Aquile si prenota per essere l’uomo in più nei play off che la squadra vuole assolutamente raggiungere!


HC LUGANOHC LUGANO

3

Il Lugano è il “flop” del mese: solamente due le vittorie conquistate ed una fragilità difensiva, figlia anche degli infortuni, ed una sterilità offensiva, che deve preoccupare.

Il potenziale della squadra è senza dubbio di primo livello, e per evitare di incorrere nuovamente in mesi “d’inferno” sarà imprescindibile lavorare sul “mentale” di una squadra che, dalla spavalderia e sicurezza nei propri mezzi dello scorso mese di aprile, è passata ad un atteggiamento remissivo e fin anche spaventato nei confronti del primo imprevisto che si presenta nell’arco di una partita.

IL GIOCATORE

Elia Riva

Tra le poche note positive del mese di novembre.

Il giovanissimo Elia Riva è stato gettato nella mischia in mezzo agli squali ed ha risposto proponendo prestazioni di una qualità ed una personalità assolutamente impressionanti per un giovane!

A tratti è sembrato persino prendersi sulle spalle la difesa Bianconera, e di certo di lui sentiremo parlare ancora a lungo.


SCL TIGERSLANGNAU TIGERS

5-

Una prima parte del mese altalenante, una seconda decisamente scintillante, ed un quarto di voto in meno per la sconfitta interna con il Bienne.

La squadra si è saputa regalare l’opportunità di poter lottare per quel sogno chiamato “play off”, cosa impensabile fino al mese scorso, ma al primo momento decisivo che poteva significare guardare la linea dall’alto al basso, gli è venuto il più classico dei “braccini del tennista”.

Impressionante tuttavia la metamorfosi di questa squadra, che sta rendendo fieri i caldi tifosi dell’Emmental.

IL GIOCATORE

Eero Elo

Uno sniper di primissimo livello!

Arrivato in NLA a fari spenti, ha acceso gli abbaglianti ed ha iniziato a far parlare di sé grazie alla cosa più importante per un attaccante straniero: i gol!


FR GOTTÉRONFRIBORGO GOTTÉRON

4

C’è seriamente il rischio che giocatori del calibro di Sprünger, Bykov e Cervenka, non prenderanno parte ai giochi che contano!

Il Gottéron progredisce, lentamente ma progredisce, ma l’immenso potenziale offensivo viene offuscato da una difesa troppo “generosa” ed un duo di portieri che non danno sufficienti garanzie alla squadra.

Qualora Huras riuscirà a sistemare il reparto arretrato tuttavia, il Gottéron potrebbe anche togliersi qualche soddisfazione in stagione!

IL GIOCATORE

Roman Cervenka

Era tra i giocatori più attesi di tutto il campionato, e dal suo rientro dalla World Ice Hockey Cup, ha regalato momenti di hockey di altissimo livello.

Le sue doti disco sul bastone sono da inviare alle scuole hockey per un apprendimento, e la sua abilità di play maker ha permesso al Gottéron di ottenere quei punti fondamentali per rimanere aggrappati alla linea.


HC AMBRÍ-PIOTTAHC AMBRÌ-PIOTTA

4

Il voto è la media perfetta tra il “3” della prima parte del mese, ed il “5” della seconda.

La squadra, che pareva impaurita della propria ombra, dall’arrivo di Zanatta che ha deciso di ri-vestire il giaccone per sostenere il duo Kossmann-Trygurov in panchina, e diventata tutta d’un tratto più sicura di sé stessa e decisamente più efficace.

I play off restano un traguardo lontano, ma le ultime prestazioni ed i punti ottenuti hanno avuto il merito quanto meno di poter continuare a sognare l’obiettivo!

IL GIOCATORE

Ivano Zanatta

Le sue doti di comunicatore e motivatore sono note a tutti, e non ci sarà mai la contro prova che il suo avvicinamento alla panchina Biancoblù sia stato determinante per i risultati ottenuti in seguito.

Tuttavia i numeri parlano chiaro… e così grazie all’intelligenza dimostrata da Kossmann, quello che pareva essere una semplice apparizione, si è trasformata in una gradevole collaborazione. Che per il momento sta dando i frutti sperati.


Non c’è niente da nascondere, non siamo giornalisti e non vogliamo essere gli “Elena Ferrante” del Ticino: i nostri articoli sono opinioni puramente personali da appassionati, da tifosi e per tifosi, non politicamente corrette, e che non sottostanno ad alcun ordine. Per ragioni personali non firmiamo gli articoli con Nome e Cognome. Vi preghiamo per tanto di non esitare a contattarci qualora vi siano delle rimostranze o semplicemente desiderate delle delucidazioni in merito; il rispetto per noi è alla base di tutto, e sarà nostra premura e piacere rispondere firmandoci personalmente.

Save