Il Lugano si recherà fuori dai confini Nazionali questa domenica per la 16a giornata di Super League, in Liechtenstein per la precisione, ad affrontare il Vaduz in quella che a tutti gli effetti è una sfida salvezza prevista sin dall’inizio del campionato.

Le due squadre sono in crisi di risultati, il Lugano non vince da 7 partite in campionato durante le quali ha comunque ottenuto 3 importanti pareggi contro Thun, Young Boys e Basilea, ed il Vaduz da parte sua non se la passa meglio, ha infatti vinto 1 sola partita delle ultime 10 disputate!

Ma andiamo a vedere perché il Vaduz è un avversario tanto pericoloso…

Detto, ed appurato, che ogni partita ha le sue difficoltà e specialmente quelle tra contendenti per la salvezza diventano vere e proprie patate bollenti, i Principini di Giorgio Contini, pur se quest’anno sembrano meno solidi rispetto agli ultimi due, hanno alcune statistiche dalla loro:

LE SFIDE SALVEZZA

Consideriamo sfide “salvezza” quelle che il Vaduz ha disputato contro Losanna, Grasshopper, San Gallo, Lugano e Thun, ossia le squadre che sono coinvolte in questa battaglia di nervi che potrebbe protrarsi fino alla fine del campionato, e “altre” le partite contro le top 4 del campionato.

vaduz-classifica

È evidente notare come il Vaduz, che permette semplici passeggiate di piacere alle squadre che lottano per le prime posizioni, si trasforma in squadra rognosa e delicata da affrontare quando gli avversari sono quelli a cui rubare i punti per puntare alla salvezza.

Impressionante il dato relativo ai gol subiti, visto anche e considerato che, degli 11 gol subiti contro gli avversari coinvolti nella lotta salvezza, ben 5 li ha subiti nel pomeriggio nero di Losanna, e che nelle 8 partite disputate, in ben 4 occasioni è riuscito a mantenere la sua porta inviolata!

Molto indicativi, in tal senso, sono anche gli indici statistici TSR, STR, e CR. (Total Shots Ratio, Shots on Target Ratio, Conversion Rate)

vaduz-indici

Impressionante come tutti gli indici mostrano un Vaduz più pericoloso, più solido, e ben più abile a convertire in gol le chance procurate.

Naturale, direte voi ? È evidente che giocare contro una squadra di bassa classifica porta a fare più punti… Nì, rispondiamo noi.

Perché una differenza tanto grande, lascia presupporre che il Vaduz conservi le sue energie per fare il classico “prendi 2 paghi 1”, ossia fare punti (o cercare di farli), pesanti, che oltre a portarseli in tasca, li rubi dalle tasche degli altri.

Solamente il Thun ha un ruolino di marcia simile, ma dei Bernesi deve essere fortemente considerata la crisi d’identità che li ha afflitti per la prima parte di campionato, contrariamente alla squadra del Principato, la quale veramente in crisi non ci è mai andata, come dimostra anche il fatto che mai in stagione, gli uomini di Giorgio Contini, hanno perso più di due partite consecutive, la sorte di perdere 3 partite consecutive è infatti toccata a tutte le squadre tranne al Basilea, allo Young Boys ed appunto al Vaduz!

LUGANO, ATTENTO

Quindi, il pomeriggio è di quelli da prendere con la massima cautela, e soprattutto incuranti di tutto quanto successo in queste settimane, che non puo’, e non deve, cancellare tutto il meglio espresso nella prima parte di campionato, in un processo di crescita complessiva della società Lugano che è sotto gli occhi di tutti.

LA NOSTRA OPINIONE

Il Lugano, nonostante le assenze e la situazione precaria concernente la panchina, ha tutte le potenzialità per andare ad espugnare il Rheinpark e dare una sberla al Vaduz!

Certo, la sconfitta giunta all’ultimo secondo contro il Lucerna è stata dura da digerire… certo, la squadra rispetto ad inizio campionato fatica molto di più a “macinare” calcio… e certo, un ulteriore sconfitta potrebbe far cadere nello sconforto.

È quindi giunto il momento di stringere i denti, isolarsi da tutto e da tutti, e mettere in campo una prestazione da “Lugano”, una di quelle prestazioni che è nelle corde dei boys di Manzo, una di quelle prestazioni che possono avvicinare un po’ di più alla salvezza!

Crederci è fondamentale, perché questa squadra, oltre ai risultati, ha dimostrato di avere cuore e carattere, caratteristiche che saranno utili e fondamentali al Rheinpark.


Non c’è niente da nascondere, non siamo giornalisti e non vogliamo essere gli “Elena Ferrante” del Ticino: i nostri articoli sono opinioni puramente personali da appassionati, da tifosi e per tifosi, non politicamente corrette, e che non sottostanno ad alcun ordine. Per ragioni personali non firmiamo gli articoli con Nome e Cognome. Vi preghiamo per tanto di non esitare a contattarci qualora vi siano delle rimostranze o semplicemente desiderate delle delucidazioni in merito; il rispetto per noi è alla base di tutto, e sarà nostra premura e piacere rispondere firmandoci personalmente.


Save

Save