È terminato il mese di settembre, la stagione di hockey su ghiaccio inizia ad entrare nel vivo proprio ora che finalmente l’autunno ci sta portando un pò di refrigerio. Insomma, tempo di pagelle!

Ogni mese vi proporremo le nostre, opinabili, pagelle squadra per squadra. Indicandovi cosa funziona e cosa invece deve migliorare. Per il mese di settembre, abbiamo tenuto conto anche dell’ultima giornata, disputata il 1° ottobre.

Salva

Salva

Salva

[text_block_nav title=”ZSC LIONS”]

ZSC LIONSZSC LIONS

5

Delle favorite è l’unica squadra che ha trovato una certa quadratura del cerchio sin dalle prime partite. Tecnicamente hanno messo in mostra un potenziale che fa venire i brividi alla concorrenza; tuttavia sembrano mancare dannatamente di concretezza, ed a volte hanno la tendenza a specchiarsi un pò troppo.

IL PERSONAGGIO

Roman Wick – pur circondato da stranieri fuoriclasse, l’attaccante Svizzero dei Lions porta con orgoglio il casco giallo di Top Scorer.

COSA FUNZIONA

La qualità della squadra ed il gioco; a tratti i Lions sembrano incontenibili, sono in grado di schiacciare qualsiasi avversario nel loro terzo difensivo e dispongono di quattro linee in grado di rendersi pericolose.

COSA NON FUNZIONA

La mancanza di concretezza, e la tendenza a specchiarsi troppo. Le situazioni speciali non sono ancora sfruttate a dovere fino in fondo ed inoltre si attende ancora la piena carburazione di Patrick Thoresen.

KEY MOMENT

ZSC Lions vs Ambrì-Piotta 2-1 (d.s.)

L’esordio stagionale ha fatto capire ai Lions, ed a tutti gli osservatori, che nonostante la qualità a disposizione nessuna partita è scontata.[/text_block_nav]

[text_block_nav title=”HC LOSANNA”]

HC LOSANNAHC LOSANNA

5+

Partiti tra mille dubbi, e la certezza degli altri che li vedevano condannati ai play out, sono fino ad ora la squadra rivelazione della stagione. Più offensivi rispetto al recente passato, non hanno dimenticato le basi della difesa solida e sono stati capaci di cavalcare l’onda dell’entusiasmo generato da prestazioni ad alto livello. Confermarsi ad altissimi livelli non sarà semplice, ma a Malley ci credono.

IL PERSONAGGIO

Dan Ratushny – dopo anni di esasperato difensivismo, il nuovo tecnico Canadese è subito entrato nei cuori Vodesi.

COSA FUNZIONA

Il gioco messo in mostra è, a tratti, davvero molto piacevole, e la squadra è stata capace di sfruttare appieno il magic moment per mettere punti in tasca e generare entusiasmo. Ottima la gestione delle situazioni speciali, e la squadra subisce pochi tiri dagli avversari.

COSA NON FUNZIONA

Restano i dubbi sulla tenuta alla distanza di una squadra che, qualitativamente, paga dazio nei confronti delle big del campionato. Sembra inoltre soffrire di alcuni cali di tensione, specialmente nei secondi tempi delle partite.

KEY MOMENT

HC Losanna vs FR Gottéron 2-0

Dopo 3 vittorie consecutive, arrivò la sconfitta di misura all’Hallenstadion di Zurigo. Per assurdo la riteniamo la partita chiave, in quanto ha fatto capire al Losanna di potersela giocare con tutti senza timore.

 

Salva[/text_block_nav]

[text_block_nav title=”EV ZUGO”]

EV ZUGOEV ZUGO

5

Magari ancora non convincente appieno, spesso sembra subire le iniziative degli avversari, ma i risultati danno ragione agli uomini di Kreis. I nuovi innesti hanno aumentato la qualità della squadra, e un pò nell’indifferenza generale i Tori stanno macinando punti e, soprattutto alla Bossard Arena, sembrano imbattibili anche nelle giornate peggiori. Se con il tempo limiteranno certi cali di tensione, potrebbero disputare un campionato ad altissimi livelli, e gli innesti di Diaz ed Helbling, dovrebbero portare quella fisicità extra che la squadra della Svizzera Centrale ha spesso pagato nei giochi che contano.

IL PERSONAGGIO

Raphael Diaz – è tornato in Svizzera ed ha preso immediatamente per mano la retroguardia dello Zugo, dimostrando di essersi calato perfettamente nella parte.

COSA FUNZIONA

I punti… quando i punti arrivano, si ha ragione punto e basta. La squadra pare avere una struttura già ben collaudata ed è inoltre molto efficace negli ingaggi, che restano uno dei cardini per una squadra di successo.

COSA NON FUNZIONA

Il rendimento in trasferta è deleterio, solamente il Friborgo ha raccolto fuori casa meno punti dello Zugo. Inoltre ha mostrato una tendenza a subire parecchio gli avversari nei terzi periodi di gioco; calo fisico sulla distanza ?

KEY MOMENT

EV Zugo vs ZSC Lions 3-2

La vittoria contro i Lions, giunta al termine di una partita equilibrata, ha dato quella carica extra agli uomini di Kreis, che sono infatti in seguito stati capaci di vincere 3 delle successive partite, di cui 1 (l’unica ad oggi) in trasferta.

[/text_block_nav]

[text_block_nav title=”EHC BIENNE”]

EHC BIENNEEHC BIENNE

5+

Assieme al Losanna, è la rivelazione di questo primo mese di campionato. La squadra di Schläpfer è riuscita perfettamente a sfruttare una partenza sprint, che se magari non gli garantirà i play off, quando meno gli permetterà di lottare fino alla fine per ottenerli.

IL PERSONAGGIO

Jonas Hiller – era circondato dai dubbi attorno alle sue condizioni fisiche e su come avrebbe gestito la “retrocessione” nella NLA Svizzera. Li ha spazzati via tutti!

COSA FUNZIONA

Gli stranieri fanno i punti che devono, la difesa è solida e psicologicamente aiutata dalla presenza di Hiller tra i pali, ed il coaching è parso impeccabile. Il numero di tiri bloccati dai giocatori è inoltre il più alto di NLA, sintomo della disponibilità al sacrificio.

COSA NON FUNZIONA

Sembrano esserci poche alternative alle prime due linee. L’impressione è che se gli stranieri dovessero smettere di girare, difficilmente il solo Hiller basterà a tenere in piedi la baracca.

KEY MOMENT

GE Servette vs EHC Bienne 1-3

L’esordio contro il Losanna era andato male, ed il giorno successivo i Seeländers erano attesi dalla trasferta di Ginevra, sulla carta di quelle improbe. La vittoria alla Patinoire des Vernets ha invece fatto capire al Bienne che ce la si può giocare, con chiunque!

[/text_block_nav]

[text_block_nav title=”EHC KLOTEN”]

EHC KLOTENEHC KLOTEN

5-

Ad inizio stagione pareva già bello esserci, in seguito gli Aviatori ci hanno preso gusto ed hanno iniziato a macinare punti! Difficilmente il Kloten riuscirà a confermarsi sull’arco della stagione, la squadra è riuscita a trovare i giusti stranieri da affiancare ad Hollenstein, ma vi è un serio problema portiere e di profondità del roster. L’impressione è che, nei momenti più complicati, la qualità complessiva della squadra non permetterà di fare moltissimi punti.

IL PERSONAGGIO

Denis Hollenstein – pareva essere tra i primi della lista a lasciare il club dati i noti problemi finanziari; il figlio d’arte è rimasto e si è preso il Kloten sulle spalle ben coaviduato dagli stranieri.

COSA FUNZIONA

Gli stranieri stanno dando un contributo importante, permettendo alla squadra di fare punti importanti. Interessante anche notare l’efficacia del Kloten in trasferta, dove il suo gioco prettamente di rimessa è più efficace rispetto alle partite casalinghe. Ha inoltre una percentuale realizzativa molto alta ed un power play convincente.

COSA NON FUNZIONA

Gli Aviatori subiscono spesso e volentieri il gioco degli avversari, e sul lungo termine rischia di diventare un problema, specie quando arriveranno i periodi di crisi. Lo confermano anche le statistiche, solamente Ambrì-Piotta e Berna hanno subito di più la pressione avversaria.

KEY MOMENT

ZSC Lions vs EHC Kloten 2-3 (d.r.)

Era l’esordio stagionale, tutti si attendevano i Lions banchettare contro i “poveri” cugini. Ed invece, nonostante una partita dominata dai padroni di casa, gli ospiti furono in grado grazie ad una grande concretezza, di espugnare l’Hallenstadion, generando di fatto un vortice positivo di emozioni che si è trascinato per tutto il mese.

[/text_block_nav]

[text_block_nav title=”GE SERVETTE”]

GE SERVETTEGE SERVETTE

4.5

Il voto è la media tra il 3.5 della prima parte del mese, ed il 5.5 della seconda parte. Le Aquile ci hanno messo un pò a decollare, ma in seguito ad un avvio di stagione macchinoso hanno iniziato a mettere in mostra le solite qualità tanto care a McSorley ed i risultati non si sono fatti attendere. Il Ginevra si conferma dunque una potenziale outsider di lusso, e con i tagli della NHL alle porte chissà che non si rinforzi ancora.

IL PERSONAGGIO

Kai Schweri – il giovane attaccante delle Aquile è già pronto per un ruolo da protagonista nello scacchiere impostato da McSorley, ed ha messo in mostra qualità impressionanti.

COSA FUNZIONA

Al solito, la cattiveria agonistica, la voglia di stupire e quella voglia di scrivere una pagina di storia del club Ginevrino. La qualità è inoltre maggiore rispetto al recente passato. Ottimo anche il portiere, la sua percentuale di parate è del 92.8%, secondo portiere di NLA.

COSA NON FUNZIONA

La cattiveria agonistica, se le cose non dovessero andare bene sul lungo termine rischia di essere un arma a doppio taglio. Le Aquile hanno statisticamente concesso parecchio agli avversari e sono inoltre troppi i gol concessi in situazione di inferiorità numerica.

KEY MOMENT

GE Servette vs FR Gottéron 3-2 (d.s.)

Il Ginevra Servette non riusciva ad ingranare realmente e la vittoria, sofferta ma meritata, contro il Gottéron ha dato il via ad una serie di partite di alto livello.

[/text_block_nav]

[text_block_nav title=”SC BERNA”]

SC BERNASC BERNA

4

La sufficienza è appena appena risicata per questa squadra costruita per vincere ma che sembra non essere ancora entrata in sintonia con il duo di allenatori in panchina. La qualità c’è, ed è evidente, ma per quanto visto fino ad oggi gli Orsi rischiano seriamente di dover vivere un calvario di Regular Season come la scorsa stagione. Certo, se poi il tutto si concludesse con un nuovo titolo di Campione Svizzero…

IL PERSONAGGIO

Mark Arcobello – semplicemente il Top Scorer del campionato. Conferma che quando un giocatore, come nel suo caso, ha avuto successo in AHL, le probabilità di adattarsi in Svizzera sono elevate. Ottimo cecchino e fenomenale in power play.

COSA FUNZIONA

A tratti il potenziale della squadra esce allo scoperto, inoltre gli stranieri ed il nuovo portiere Genoni, stanno rispondendo alle aspettative. Ottimi agli ingaggi (55.4%) e possono contare su una percentuale realizzativa elevata (11.3%).

COSA NON FUNZIONA

Il rendimento varia molto da un tempo all’altro nella stessa partita e la squadra non sembra aver imparato la lezione della scorsa stagione, che si è conclusa in gloria ma poteva benissimo terminare nell’inferno dei play out. Statisticamente, subisce molto gli avversari; sorprende infatti la statistica dei tiri (266 fatti – 331 subiti).

KEY MOMENT

EHC Kloten vs SC Berna 4-0

Eravamo alla seconda partita stagionale, e gli Orsi erano reduci dalla semplice vittoria ottenuta ai danni del Langnau. La secca e sonora battuta d’arresto, ha tarpato le ali agli uomini del duo Jaolonen-Peltonen che solo in un caso successivamente sono riusciti a vincere due partite consecutive.

[/text_block_nav]

[text_block_nav title=”HC DAVOS”]

HC DAVOSHC DAVOS

4+

Dati alla mano, solamente lo Zurigo ha saputo generare più pressione sugli avversari dei Grigionesi. La squadra è forte ma sta pagando a caro prezzo l’inesperienza del pacchetto di estremi difensori, ma di certo mai sottovalutare il vecchio volpone Arno Del Curto; se lui crede in questi portieri ci crediamo anche noi, ed allora ecco che il Davos potrebbe diventare una squadra molto, ma molto, più pericolosa di quanto dice la classifica di oggi.

IL PERSONAGGIO

Andres Ambühl – alla media di 1 punto a partita, in Svizzera non aveva mai girato. Come il buon vino, sembra migliorare con il passare degli anni; leader.

COSA FUNZIONA

Il gioco ormai consolidato di Arno Del Curto, la capacità di riuscire sempre ad estrarre un qualche coniglio dal cilindro. Il Davos a tratti gioca che è una meraviglia, ed è una squadra che non molla mai.

COSA NON FUNZIONA

I portieri. Spiace dirlo, ma al momento attuale i risultati del Davos dipendono dall’ispirazione che l’estremo difensore di turno mandato sul ghiaccio da Del Curto ha per la specifica serata.

KEY MOMENT

EHC Kloten vs HC Davos 5-6 (d.s.)

Forse un pò di frustrazione si stava facendo largo tra le mura della Vaillant Arena, la serie di sconfitte consecutive aveva raggiunto quota 3. La pazza partita di Kloten ha ridato ispirazione a tutto il gruppo, capace in seguito di vincere 4 partite su 5.

[/text_block_nav]

[text_block_nav title=”HC LUGANO”]

HC LUGANOHC LUGANO

4

Il Lugano è stato messo a dura prova durante questo primo mese di campionato tra infortuni, prime piccole polemiche da smorzare (su tutte quelle dirette a Zackrisson e Manzato) ed un attitudine sul ghiaccio che pareva lontana parente di quella mostrata lo scorso anno a partire dall’arrivo di Shedden. La squdra ha evidenti qualità che verranno allo scoperto, ma bisogna assolutamente evitare di finire in un vortice negativo.

IL PERSONAGGIO

Dario Bürgler – con 7 gol messi a referto, è il capo cannoniere dei Bianconeri. Sembra aver ritrovato come d’incanto quel killer instinct che lo aveva fatto diventare uno degli attaccanti Svizzeri più pericolosi in assoluto.

COSA FUNZIONA

Il carattere, unito alla qualità dei singoli sul fronte offensivo, hanno permesso al Lugano di ottenere alcuni punti che hanno evitato di far finire la squadra in uno stato depressivo. La qualità intrinseca nella rosa gestita da Shedden è alta, con il tempo si dovrebbe tornare ad ammirare un Lugano ad alti livelli.

COSA NON FUNZIONA

Il rendimento di alcuni singoli è stato molto al di sotto delle aspettative; in particolare i nuovi innesti Sondell e Zackrisson sembrano non essersi calati con la giusta mentalità in questa avventura, anche se il primo sul finire del mese ha dato alcuni segnali di risveglio. Spiace invece per Manzato, capace di effettuare buoni interventi ma incapace di dare sicurezza alla squadra.

KEY MOMENT

HC Davos vs HC Lugano 4-3 (d.s.)

La sconfitta di Davos sembra essere riuscita a dare quella frustata che Shedden aveva tentato invano di dare per alcune settimane. La sconfitta patita al termine di quella che era, fino a quel momento, forse la miglior partita disputata ha finalmente ridonato ai Bianconeri quella sana voglia di mangiare il ghiaccio.

[/text_block_nav]

[text_block_nav title=”HC AMBRÍ-PIOTTA”]

HC AMBRÍ-PIOTTAHC AMBRÌ-PIOTTA

3.5

Nonostante alcuni progressi, resta l’unica squadra di NLA a non aver ottenuto vittorie da 3 punti. I Leventinesi hanno dimostrato di poter mettere in difficoltà qualsiasi avversario, ma allo stesso tempo sembrano vittime inconsapevoli di quella mentalità vincente che si vorrebbe finalmente iniettare nelle vene di chi viene a giocare alla Valascia. Il processo richiede del tempo, ma noi siamo convinti che la strada sia quella giusta, nonostante abbiamo qualche riserva sull’allenatore.

IL PERSONAGGIO

Peter Guggisberg – ha colto la sua occasione! Dopo un inizio in sordina, grazie al rigore decisivo messo a segno nella partita contro lo Zugo si è sbloccato ed è stato uno dei principali attori delle quattro vittorie consecutive.

COSA FUNZIONA

La squadra mostra a tratti una grande solidità, e la qualità pur se non permette di sognare il titolo certamente è sufficiente per qualificarsi agevolmente per i play off.

COSA NON FUNZIONA

Il coaching sembra passivo, le linee vengono cambiate di frequente anche nell’arco di uno stesso periodo di gioco togliendo certezze ai singoli. Le situazioni speciali sono catastrofiche, grave per una squadra che può contare su giocatori del calibro di Guggisberg, D’Agostini e Mäenpää.

KEY MOMENT

HC Ambrì-Piotta vs EV Zugo 4-3 (d.r.)

È stata una vittoria sofferta, ma ha permesso ai Leventinesi di tirare un sospiro di sollievo dopo una serie di brutte sconfitte. Se la linea dei play off non è ancora così distante, gran parte del merito va alla lucidità messa in mostra da Guggisberg in quella serie di rigori.

[/text_block_nav]

[text_block_nav title=”FR GOTTÉRON”]

FR GOTTÉRONFRIBORGO GOTTÉRON

3

Regna molta confusione a Friborgo, la squadra non sarà stata costruita per vincere il Campionato ma certamente ha la qualità necessaria per raggiungere i play off senza eccessivi patemi d’animo. Ad oggi, la situazione disastrosa è costata cara a Zenhäusern (dimissionario e rimpiazzato da Larry Huras) e Pouliot, attaccante finito in discordia e apparentemente generatore di problemi negli spogliatoi. I Dragoni, che hanno comunque disputato alcune discrete partite, sembrano completamente spaesati per alcuni momenti di partita, e ci viene da chiedere se un buon mental coach non potrebbe essere utile…

IL PERSONAGGIO

Julien Sprünger – nel marasma generale, l’attaccante Svizzero riesce comunque sempre a fare quello che più gli riesce: mettere punti a referto.

COSA FUNZIONA

Poco funziona, ma per alcuni tratti di partite si è vista la qualità che permetterebbe alla squadra di ambìre a posizioni ben migliori.

COSA NON FUNZIONA

A livello societario regna confusione, sul ghiaccio invece il Friborgo paga molto care le situazioni speciali, dove non riesce ad azzeccarne una, ed un portiere che spesso e volentieri non è in grado di fare la differenza.

KEY MOMENT

FR Gottéron vs EHC Bienne 4-3

La vittoria contro il Bienne faceva pensare ad un nuovo inizio di stagione, ed invece si è rivelata il classico fuoco di paglia. 5 sconfitte hanno fatto seguito alla vittoria contro i Seeländers.

[/text_block_nav]

[text_block_nav title=”SCL TIGERS”]

SCL TIGERSSCL TIGERS

3.5

L’ultimo posto era previsto, ed ultimo posto è; difficile obiettivamente chiedere di più alla squadra tecnicamente più debole dell’intera NLA. Quello piuttosto che deve preoccupare nell’Emmental è la mancanza assoluta di punti raccolti a domicilio… la Ilfishalle era da sempre una sorta di roccaforte dove conquistare punti, non tanto per raggiungere i play off ma quanto meno per regalare soddisfazioni ad uno dei pubblici più fedeli in Svizzera.

IL PERSONAGGIO

Thomas Nüssli – è una delle poche buone notizie ad oggi per i Tigers, ed un pò per tutto l’hockey Svizzero. L’attaccante del Langnau sembrava destinato a finire ormai nell’anonimato, ed invece sta disputando una stagione di tutto rispetto, finalmente con punti a referto (8 partite, 5 gol, 2 assist).

COSA FUNZIONA

La combattività della squadra non è in discussione. Nonostante i risultati deludenti i Tigrotti spesso e volentieri sono rimasti in partita fino alla fine.

COSA NON FUNZIONA

Nulla di particolare, un pò tutto l’insieme. La squadra semplicemente è la meno dotata dal punto di vista tecnico in National League. Certamente preoccupa che nelle partite casalinghe ad oggi siano arrivate solamente sconfitte da 0 punti. Sarà Ehlers la soluzione ? Noi, crediamo di no.

KEY MOMENT

GE Servette vs SCl Tigers 3-2 (d.s.)

I Tigrotti erano in vantaggio di 2 reti fino a pochi minuti dal termine, si sono fatti rimontare ed hanno perso nei tempi supplementari. Era la 3a partita stagionale, fossero arrivati i 3 punti, avrebbero portato in dote un pò di fiducia che sarebbe venuta molto utile nel proseguio.

[/text_block_nav]