(cliccare “Marcatori” e “Statistiche” per accedere al resoconto statistico della partita)

Terza vittoria consecutiva per gli ZSC Lions, terza sconfitta consecutiva per il Lugano in trasferta…

Quello che avrebbe dovuto essere il big match di serata, si trasforma ben presto in un monologo dei Tigurini che, grazie alla serata di grazia dell’ex Thoresen, e va detto anche “grazie” all’inconsistenza mostrata dal Lugano per l’occasione, vincono per la seconda volta in pochi giorni contro una diretta concorrente per il titolo.

Non ci mettono moltissimo i padroni di casa a passare in vantaggio; la via del gol la trova Inti Pestoni dopo una serpentina nella non impeccabile difesa Bianconera! È la prima rete stagionale per il Ticinese, che si è sbloccato proprio contro i “cugini” rendendo la sua serata ancora un pò più particolare.

Il Lugano abbozza una reazione, e quasi un pò a sorpresa trova un gol di “petto” del giovane Morini, able e fortunato nel trovare la deviazione dopo appoggio di Ulmer. Poteva essere il gol della svolta, ed invece sale in cattedra l’ex più prestigioso, Patrick Thoresen !

Il Norvegese, dapprima verso metà periodo approfitta di una voragine lasciata dai difensori del Lugano per battere un Manzato apparso ancora non in grande serata, ed in seguito, verso la metà del periodo centrale, sfrutta l’ennesimo svarione difensivo degli ospiti per sfruttare un 1vs1 contro l’estremo difensore Bianconero.

Sono le prime due reti stagionale per il funambolico attaccante dei Lions, che non sazio pochi minuti dopo serve Geering che da media distanza fredda Manzato.

È di fatto il gol che chiude la partita; nel terzo periodo i padroni di casa gestiscono la partita permettendo al Lugano di rendersi pericoloso in svariate occasioni, ma Flüeler, rispetto al suo collega Bianconero, riesce tramite alcuni interventi ad infondere sicurezza ai suoi e chiudere la porta.

La trasferta all’Hallenstadion doveva dare delle rispose; lo Zurigo le ha fornite positive, mentre per il Lugano regge fino ad un certo punto l’alibi delle assenze.

Manzato non pare in grado di dare sicurezza ad una difesa falcidiata dalle assenze, e per rubare le parole a Shedden, sta gettando al vento una grande occasione per mettersi in mostra; mentre i giocatori di movimento paiono aver perso quella voglia di mangiare il ghiaccio che lo scorso anno li ha portati ad un soffio dal titolo; ci eravamo esposti ad inizio stagione dicendo che le partenza di Pettersson e Lapierre si sarebbero fatte sentire, non tanto (o soltanto) nel tabellino dei marcatori, ma piuttosto per le capacità di leadership dei due elementi, in grado tramite una sfuriata, un bastone spaccato, una bagarre, di trascinare i compagni.

È tuttavia troppo presto per fare analisi, l’appuntamento è per sabato sera contro un Ginevra altrettanto frustrato per l’avvio deludente, e per una partita che si preannuncia infuocata!

STATISTICAMENTE…

ZSC LIONS: terza vittoria consecutiva per i Lions, la quarta nelle ultime cinque partite. Lo Zurigo ha segnato due reti nel periodo centrale, in precedenza nei secondi 20 minuti delle partite, Wick e compagni erano andati in bianco in 4 partite su 6. Singolarmente, serata da ricordare per Thoresen che trova i suoi primi due gol stagionali e colleziona pure un assist, in una partita terminata con 6 tiri in porta ed un bilancio personale di +2 nei suoi 17:26 minuti di ghiaccio.

LUGANO: terza sconfitta consecutiva in trasferta per gli uomini di Shedden, e prima stagionale con meno di due reti all’attivo. Al pari della sfida interna con il Langnau, è questa la serata nella quale Chiesa e compagni hanno bloccato meno tiri avversari in stagione (5). Singolarmente da segnalare lo stakanovista Wilson (29:48 minuti di ghiaccio per lui!), e la serata negativa di Klasen e Martensson, i quali entrambi terminano la sfida con un bilancio personale di -2.

ZSC Lions HC Lugano
PDO 106,5 93,5
CR 0,75 0,25
STR 0,57 0,43
CORSI 14 -14
FENWICK 17 -17
STR 1P 0,67 0,33
STR 2P 0,57 0,43
STR 3P 0,45 0,55

 

Gli indici mostrano la superiorità dello Zurigo, anche se dato il terzo periodo di contenimento, essa non è tanto netta quanto dice il risultato. Il Lugano, oltre ad aver subito la pressione dei padroni di casa per due tempi su tre, paga anche molto caro un tasso di conversione estremamente basso.

 

PDO = indice “fortuna” calcolato sommando % realizzativa alle % di parate del portiere.

CR = indice del tasso di conversione

STR = indice dei tiri in porta, calcolato dividendo i tiri in porta, per i tiri in porta sommati a quelli subiti. Mostra la “dominanza” di una squadra nel generare occasioni in confronto all’avversario.

CORSI = (tiri  + tiri mancati + tiri bloccati avversario) – (tiri subiti + tiri mancati avversario + tiri bloccati).

FENWICK = (tiri + tiri mancati) – (tiri subiti + tiri mancati avversario)

 

Salva

Salva

ZSC LIONS HC LUGANO
7′ Pestoni Morini 8′
 11′  Thoresen
 30′  Thoresen
 36′  Geering
 

zurigo-lugano-2