[text_block_nav title=”PRESENTAZIONE SQUADRA”]Le schede di presentazione delle squadre includono, dopo l’analisi, un intervista ad un tifoso.

ZUGO

(4°/6°)

Lo Zugo, come al solito, si presenta ai nastri di partenza con il ruolo di outsider. Quest’anno tuttavia, il mercato che ha portato in dote, tra gli altri, Diaz e Klinberg, sembra aver alzato il livello ad “outsider di lusso”.

Il rientro in patria di Diaz ha inoltre permesso ai Tori di puntare su un quartetto (su cinque) di stranieri offensivo!

PLUS

Lo Zugo appare come una squadra molto ben assemblata e solida, senza nessun picco per reparto, ma molto equilibrata. Inoltre il rientro di Diaz, che sarà il leader della difesa, equivale all’acquisto di un giocatore straniero!

MINUS

C’è un pò quella sensazione che, quando c’è la possibilità e la voglia di fare un salto avanti, viene a mancare sempre qualcosa. Vuoi per un infortunio, vuoi per una mentalità che non è ancora diventata del tutto vincente, vuoi per sfortuna… lo Zugo sembra sempre la “bella incompiuta” della National League. Eventuali infortuni dei giocatori chiave, sembrerebbero difficili da digerire.

OBIETTIVO

I play off dovrebbero essere certi, lo Zugo se tutto dovesse andar bene deve essere lassù in alto a lottare con Lugano e Ginevra per il terzo posto in stagione. E poi sperare che gli uomini cardine non facciano flop nei play off… la stagione potrebbe tuttavia regalare molte emozioni al pubblico della Bossard Arena.

IL GIOCATORE

Raphael Diaz

Che acquisto! L’arrivo di Diaz equivale all’arrivo di uno straniero, e da quì riparte il futuro prossimo ed a medio-termine dei Tori. Elemento trascinante, che certamente lascerà il segno al suo ritorno in Svizzera.

[/text_block_nav]

[text_block_nav title=”INTERVISTA”]

L’INTERVISTA

Nonostante i nostri appelli tramite web e tra i vari fans club, non siamo stati in grado di raggiungere un tifoso dell’EV ZUG che abbia voluto rispondere alle nostre domande.

[/text_block_nav]