LUGANO

football ball
  • Alioski 67′
  • Sabbatini 43′
  • (R) Alioski 23′

3 : 1

football ball
  • 58′ Ziegler

SION

FC SION

(clicca su “STATISTICHE PARTITA” per accedere alle statistiche della gara)

A Lugano si attendeva, e reazione è stata!

La vittoria sul Sion porta a 6 i punti conquistati dai Bianconeri alla vigilia dell’improba trasferta di Basilea; non che ci sia da dormire sonni tranquilli, ma la via è tracciata, questo Lugano può far divertire!

La partita con il Sion fa il paio con la trasferta a Berna in quanto ad intelligenza della prestazione, e date le premesse non era assolutamente scontato. Tant’é, il Lugano comincia bene (come solito), crea diverse occasioni senza c’entrare lo specchio della porta (come solito), poi si sblocca e la seconda parte di primo tempo accende Cornaredo (e questo accade più raramente…), con il pubblico che si pregusta una aperò entusiasmato dalle reti di Alioski e Sabbatini (rigore la prima, nata da calcio d’angolo la seconda per l’immensa gioia di Manzo, che su questi particolari aveva parecchio insistito).

La ripresa comincia con l’oscurità che piomba sulla città di Lugano, e quella stessa oscurità pare far capolino pure sui Bianconeri, che sembrano non riuscire a contenere la prevedibile reazione del Sion ed infatti incassano su palla ferma (ahi!) la rete della speranza Vallesana.

Proprio quando tutto sembrava far presagire il peggio, ecco che torniamo all’intelligenza della gestione! Una decina di minuti bastano ai boys di Manzo per ristabilire le distanze a due reti, e la ri-reazione degli uomini di Tholot viene ben contenuta anche grazie alla sicurezza mostrata da Salvi.

Il finale è un trionfo, il pubblico si diverte a vedere i suoi beniamini gestire la partita, mentre dall’alto il Presidente Renzetti già si immagina attraversare la strada al termine della contesa, per recarsi alla vicina caserma dei pompieri e chiedere in prestito elmetto ed idrante, per smorzare qualsivoglia facile entusiasmo…

Quando allo stesso tempo, il suo “collega” Constantin, avrà dato mandato ai suoi uffici di Martigny di preparare la lettera di licenziamento per il suo allenatore… tanto da tenerla sotto il cuscino e dormirci sù, chissà mai che il giorno dopo può tornare utile ?

HOT

La reazione del Lugano dopo la sconfitta interna con il Vaduz, e l’ennesima contro-prestazione del Sion in questo inizio di campionato.

lugano sion 4

Salva

Salva

Salva

Salva